A proposito della zona doccia, il piatto doccia

Indipendentemente dal contesto, offre considerevoli vantaggi in termini di sicurezza


Nell'allestire un ambiente doccia il piatto rappresenta un componente imprescindibile, anche se si potrebbe adottare in alternativa una canalina, tuttavia il piatto è la soluzione che offre i maggiori vantaggi e sicurezza indipendentemente dal contesto e se stiamo lavorando su nuova costruzione o in ristrutturazione.
In passato era disponibile il classico piatto doccia in ceramica bianca e la scelta sarebbe stata molto semplice. Negli ultimi anni complici, la moda e l'evoluzione tecnica, sono stati introdotti nel mercato piatti in altri materiali. Ovviamente non esiste uno migliore di altri e qualunque scelta comporta vantaggi e svantaggi; la scelta può essere fortemente condizionata dal contesto dove sarà installato ma anche da ragioni tecniche o estetiche.
Vediamo di individuare quali materiali, quindi quali piatti doccia, sono oggi disponibili indicandone sommariamente vantaggi e svantaggi.

 

LA PORCELLANA SANITARIA O FIRE-CLAY

La porcellana "feldspatica" o porcellana dura, è un composto in cui sono presenti feldspato, da cui il nome, caolino e quarzo; talvolta viene aggiunta argilla. Una volta sottoposto a cottura - con temperature che variano tra i 1000° e i 1500° - acquisisce particolari caratteristiche come resistenza al calore, ai graffi, gli urti e agli agenti chimici.
In ragione della composizione si possono ottenere manufatti estremamente diversi, che variano dalle porcellane raffinatissime agli isolatori per alta tensione.

 

Vantaggi

  • Nonostante lo spessore rimanga ancora piuttosto importante, nei più recenti manufatti in "fire-clay" sono stati notevolmente ridotti.
    NOTA
    Si possono considerare come faenze cotte ad alta temperatura (intorno ai 1200°C), costituite da impasti a bassa porosità, ad elevata coesione e resistenza meccanica, smaltate in superficie. Con questa tecnica si producono sanitari e manufatti di notevole dimensione, soggetti a deformazione e di difficile realizzazione se prodotti con impasti vetrificati.
  • Alcune aziende propongono piatti doccia in ceramica colorati e rivestiti da smalti che conferiscono alla superficie una forte resistenza allo scivolamento;
  • Sono facili da detergere e supportano gli acidi e i detergenti abrasivi;
  • La colorazione rimane inalterata nel tempo;

Svantaggi

  • Nonostante il miglioramento nel design, la maggior parte dei piatti in ceramica rimane esteticamente meno invitante rispetto ad alternative con altri materiali;
  • Sono freddi al tatto e la superficie è piuttosto scivolosa, specie se confrontata con piatti a superficie ruvida;
  • Nel corso del tempo un piatto in ceramica, a causa della caduta di oggetti o di assestamenti del piano su cui poggia, potrebbe essere soggetto a crepe che ne condizionano sia l'usabilità sia l'impermeabilità;
  • In caso di danneggiamento della superficie un piatto in ceramica non è ripristinabile.

 

Dati tecnici

Misure: L'offerta di misure è piuttosto ampia, si parte da una misura minima 70x70 cm fino a quasi 200 cm di lunghezza (solo poche aziende realizzano dei tagli a misura).
Posa: Il piatto doccia in ceramica generalmente viene installato prima della posa del pavimento, per questo occorre fornirlo all'idraulico al momento della preparazione del massetto. Ma può essere installato anche sopra pavimento.
Manutenzione : È sufficiente un regolare lavaggio con acqua e un detergente a base di candeggina, utilizzando una spugna morbida, per eliminare residui di sapone e prevenire la formazione di calcare.

 

PIATTO DOCCIA IN RESINA

Con resina viene identificata una vasta categoria di polimeri organici prodotti per sintesi che unita a miscele minerali danno luogo ad un composto solido che presenta, tra le altre caratteristiche, durezza, compattezza e malleabilità. Normalmente la superficie viene trattata con un composto a base di resina poliestere - gelcoat - al fine di rendere impermeabile il sottostato e definirne la colorazione.

 

Vantaggi

  • Si possono ottenere finiture diverse: si parte dal classico piatto liscio all'effetto pietra, ardesia, pelle, cemento spazzolato e altri ancora con varietà quasi infinite;
  • Sono disponibili vari colori solitamente in un numero limitato a quattro o cinque, ma c'è la possibilità di scegliere tra varie tinte RAL;
  • Hanno uno spessore che varia tra 3 e 4 centimetri, possono essere provvisti o meno di bordo perimetrale rialzato;
  • La maggior parte dei piatti in resina hanno un trattamento antiscivolo che ne garantisce la massima aderenza e totale sicurezza;
  • Essendo un impasto i graffi prodotti nel tempo possono essere ripristinati per mezzo di un kit speciale;
  • È un materiale caldo al tatto.

 

Svantaggi

  • Se il piatto è sprovvisto di un film protettivo in "Gelcoat" - resina poliestere - tenderà ad essere più vulnerabile alle macchie e all'azione di sostanze aggressive con una conseguente variazione di colore nel tempo.
  • La base in resina determina il rischio di variare leggermente il colore col passare del tempo;
  • Patisce le temperature molto elevate e gli shock termici;
  • È più costoso rispetto alla ceramica e all'acrilico;


Dati tecnici

Misure: I piatti doccia in resina possono essere tagliati in lunghezza e larghezza o si possono realizzare scansi per adattarsi a vincoli di spazio, come ad esempio una colonna
Posa: può essere installato sopra pavimento o a filo dello stesso
Manutenzione: Per la pulizia di ogni giorno serve soltanto applicare con un panno morbido non abrasivo del sapone neutro sul piatto e risciacquare con acqua. Non utilizzare mai solventi, acidi o alcol. In caso di macchie difficili, si possono utilizzare le "gomme magiche" disponibili nel mercato.
Si tratta di un composto di schiuma di melanina policondensata con formaldeide, essiccata, triturata, additivata e sottoposta a trattamento termico. La sigla identificante è MF (direttive 16780 e 7728 DIN). A contatto con l'acqua acquista ottime proprietà pulenti.ì
Se vengono utilizzate tinte per i capelli, sciacquare subito il piatto con acqua e sapone una volta finita la doccia.
Per eliminare i resti di calcare, possiamo utilizzare un anti-calcare domestico.

 

PIETRA ACRILICA - CORIAN®

La pietra acrilica, universalmente conosciuta con il nome commerciale "Corian®", è un composito formato da polimeri acrilici puri (1/3 di resina acrilica) e minerali naturali (2/3 di ossido di alluminio). Nonostante si tratti di un materiale sintetico ha proprietà non paragonabili a quelle di altri a base di resine, proprio in ragione dei componenti usati che sono di alta qualità.

 

Vantaggi

  • È resistente alla luce diretta del sole e il suo colore si mantiene immutato nel tempo;
  • In caso di urti non si scheggia, a differenza della ceramica o del marmo;
  • Eventuali graffi o lesioni si possono ripristinare con un intervento diretto sulla superficie danneggiata.
  • È un materiale caldo, morbido e vellutato;
  • È disponibile in un'ampia varietà di colori;
  • È un materiale non poroso ed è compatto in tutto il suo spessore;
  • È un materiale anti-batterico, inerte, atossico ed ecologico.

 

Svantaggi

  • Ha un prezzo maggiore rispetto ai piatti sopraelencati, giustificato dal fatto che non ha dei veri e propri difetti in questa applicazione.

 

Dati tecnici

Misure: I piatti doccia in pietra acrilica possono essere tagliati in lunghezza e larghezza o si possono realizzare scansi per consentire l'adattamento a vincoli di spazio e superfici irregolari.
Posa: può essere installato sopra pavimento o a filo dello stesso
Manutenzione: La pulizia è davvero semplice: è sufficiente un panno con acqua saponata o con un comune detergente neutro, sono sconsigliati quelli aggressivi perché tendono ad opacizzare questo tipo di resina.
Grazie a questi semplici prodotti di pulizia e a un movimento circolare il risultato è assicurato; se le macchie sono resistenti si può utilizzare una spugnetta non abrasiva con una soluzione per la pulizia delle superfici a base di ammoniaca che sarà da sciacquare con acqua calda e asciugare con un panno morbido.

 

MARMOGRES

Si tratta di una miscela di materie prime simili a quelle impiegate per la porcellana sanitaria - vitreous china - è quindi un materiale quasi completamente vetrificato, non assorbente e con un'ottima resistenza meccanica. L'uso di argille ceramiche, feldspati, caolini e sabbia sottoposti ad un processo di cottura a temperature estremamente elevate determina resistenza agli urti, ai graffi e ai prodotti chimici.

 

Vantaggi

  • È un materiale che non assorbe, non teme le abrasioni, la flessione e gli urti;
  • Eventuali graffi o lesioni dati dall'usura nel tempo sono ripristinabili tramite un kit specifico;
  • Al tatto offre la stessa sensazione di calore e lo stesso risultato estetico di un marmo naturale;
  • A differenza di una semplice resina si può pulire anche con candeggina e prodotti similari;
  • È un materiale sagomabile e modellabile.

 

Svantaggi

  • La gamma di colori è ridotta, la tonalità del piatto è vincolata al tipo di prodotti inerti utilizzati nell'impasto.

 

Dati tecnici

Misure: I piatti doccia in Marmogres possono essere tagliati in lunghezza e larghezza o si possono realizzare scansi per adattarsi a vincoli di spazio, come ad esempio una colonna.
Posa: può essere installato sopra pavimento o a filo dello stesso.
Manutenzione: È sufficiente detergere e risciacquare il piatto con acqua e sapone oppure con detersivi liquidi o cremosi.

 

ACRILICO

Con il termine "acrilico" viene genericamente indicato il polimetilmetacrilato - PMMA - una materia plastica formata da polimeri del metacrilato di metile, noto anche con nomi commerciali come Plexiglas o Perspex solo per citarne due tra i più conosciuti. Ha un larghissimo impiego, spesso in alternativa al vetro, per le qualità di trasparenza e infrangibilità. A parità di dimensione ed altezza, i piatti doccia realizzati con questo materiale sono quelli più economici.

 

Vantaggi

  • È leggero, flessibile e piuttosto duro.
  • Può raggiungere dimensioni notevoli;
  • Spessore ridotto;
  • È antiscivolo

 

Svantaggi

  • Se viene a contatto con fonti di calore o con gli ultravioletti del sole tende a ingiallire;
  • Residui di shampoo e sapone nel lungo periodo, rischiano di lasciare segni indelebili;
  • Acetone, candeggina, profumi, dopo barba o disinfettanti molto aggressivi possono danneggiare la superficie in modo indelebile.

 

Dati tecnici

Misure: L'ofterta di misure è piuttosto ampia, si parte da una misura minima 70x70 cm fino a quasi 200 cm di lunghezza. Nonostante si tratti di un materiale plastico è preferibile evitare tagli per l'adattamento su superfici irregolari o per effettuare scansi.
Posa: può essere installato sopra pavimento o a filo dello stesso.
Manutenzione: È sufficiente detergere e risciacquare il piatto con acqua e sapone.

 

ACCIAIO SMALTATO

L'acciaio è una delle leghe a base di ferro e carbonio più usata e diffusa in ambito industriale, ne esistono molteplici tipologie ciascuna relativa a diverse esigenze progettuali e di mercato. Lo smalto è un rivestimento impermeabilizzante a base vetrosa applicabile sia su ceramica, sia su metallo, nel caso di applicazione su metallo garantisce una protezione contro ruggine e acidi. La composizione chimica è una miscela di silice, carbonato di sodio e potassio

 

Vantaggi

  • L'acciaio smaltato è un manufatto interamente riciclabile;
  • È affidabile e a lunga durata, in grado di conservare inalterate nel tempo le loro proprietà, anche con l'utilizzo quotidiano;
  • È resistente alla luce, al calore e alla pressione;
  • È igienico, la superficie priva di pori no permette ai batteri di attecchire.

 

Svantaggi

  • La gamma di colori è limitata;
  • In caso di danneggiamento profondo della superficie potrebbe arrugginirsi e di conseguenza, come maggiore rischio, arrivare addirittura a bucarsi;
  • L'uso di detersivi aggressivi potrebbe causare l'opacizzazione della superficie.

 

Dati tecnici

Misure: Le misure sono standard, si parte da una misura che varia da 70 a 95 cm di larghezza e da 70 a 180 cm. di lunghezza.
Posa: può essere installato sopra pavimento o a filo dello stesso.
Manutenzione: È facile da pulire, anche le macchie lasciate dall'acqua ed i residui di calcare possono essere facilmente rimossi con un panno morbido inumidito. Non è necessario l'impiego di detergenti aggressivi ed inquinanti.